Estrattore di succo a freddo o centrifuga? Le differenze

Estrattore di succo a freddo o centrifuga

Con l’arrivo del caldo non c’è niente di meglio che rinfrescarsi con un succo di verdure o di frutta di stagione ricco di proprietà nutritive. Sono sempre più gli italiani che invece di acquistare questi prodotti al supermercato preferiscono prepararli in casa.

Preparare un succo di frutta in casa è semplice, salutare e non meno importante comporta un risparmio economico. Ma qual è la differenza tra una centrifuga e un estrattore di succo? La differenza tra i due elettrodomestici non è chiara a molti, dato che sembrano pensati per lo stesso scopo e sotto alcuni punti di vista possono sembrare molto simili, ma ci sono alcune differenze nel funzionamento che fanno la differenza.

Prima di iniziare dobbiamo precisare che la scelta finale è puramente soggettiva e la preferenza di un dispositivo rispetto all’altro riguarda i gusti personali di ognuno di noi. Vediamo quindi le differenze tra un estrattore di succo a freddo e una centrifuga.

Differenze tra estrattore di succo e centrifuga

Gli estrattori di succo a freddo e le centrifughe sono elettrodomestici molto diffusi ed entrambi sono pensati per la preparazione di succhi freschi e ricchi di proprietà nutrizionali come le fibre, le vitamine e le proteine. Sono però molte le differenze tra questi due dispositivi.

Funzionamento

La prima e sostanziale differenza sta nel loro funzionamento. Anche se dall’aspetto possono sembrare molto simili agiscono in modo completamente differente.

La centrifuga estrae il succo grazie una rotazione molto veloce delle lame in acciaio e sfrutta, appunto, la forza centrifuga per separare i succhi dalle fibre. Frutta e verdura vengono velocemente e finemente sminuzzati, per poi far filtrare il tutto attraverso una rete metallica. Qui la polpa viene trattenuta e il succo fatto scorrere in un bicchiere apposito. Gli elementi di “scarto” possono in seguito essere utilizzati per diversi scopi.

Le centrifughe hanno una potenza che si aggira sui 1000 W e possono arrivare anche a 18.000 giri al minuto. Dato che i centrifugati vengono lavorati molto velocemente non è possibile conservarli per molto tempo. Vanno generalmente consumati subito, o quasi, dopo averli preparati.

L’estrattore di succo funziona in modo completamente differente. Il nome “slow juicer” indica proprio il loro funzionamento a bassa velocità. In questo caso non vengono utilizzate lame ma un coclea, ovvero la parte centrale dell’elettrodomestico che ricorda molto una grande vite. La coclea non sminuzza gli ingredienti ma li spreme. Ruotando spinge la frutta e la verdura verso il filtro e lo setaccia separando il succo e la polpa. Succo e scarti finiscono poi in due contenitori separati.

Dato il funzionamento a bassa velocità gli ingredienti non rischiano di surriscaldarsi, evitando in questo modo una possibile ossidazione. Proprio per questo motivo vengono anche definiti “estrattori di succhi a freddo“. Grazie all’assenza di ossidazione è possibile conservare i succhi anche fino a 48 ore. Il motore ha solitamente una potenza che varia tra i 200 – 400 W e gira a circa 40 – 100 giri al minuto.

Estratti di frutta

Consumi e tempi di preparazione

Dato il loro funzionamento completamente differente anche i motori che le si trovano al loro interno consumano in modo diverso.

La centrifuga girando ad una velocità molto alta e la potenza nei dispositivi professionali può arrivare anche ad oltre 1000 W. Gli estrattori, invece, necessitano di una potenza molto inferiore, circa 400 W.

Questo potrebbe far pensare che l’estrattore consumi molto meno rispetto ad una centrifuga, ma bisogna tener conto che ha bisogno di una preparazione più lunga. Per ottenere un succo, infatti, l’estrattore ci impiega circa tre volte il tempo che solitamente occorre ad una centrifuga.

L’estrattore non è la scelta giusta per chi ha poco tempo da dedicare alla preparazione di queste bevande. Questo dispositivo può lavorare ininterrottamente anche per 30 minuti, ma solitamente ne occorrono circa 10 per ottenere un buon succo. La centrifuga potrebbe essere la scelta giusta per chi vuole impiegare solo un paio di minuti per consumare il prodotto finale.

Possiamo quindi dire che l’estrattore ad una prima occhiata potrebbe sembrare che consumi meno, ma necessita di tempi di lavorazione molto più lunghi.

Un ruolo fondamentale lo svolge anche l’apertura dell’imboccatura che, con un’ampiezza maggiore, permette di inserire grandi quantità o anche frutta intera senza nocciolo. Utilizzare frutta e verdure tagliata in pezzi grossi senza la necessità di tagliarla accuratamente, consente di risparmiare un po’ di tempo.

Capacità estrattiva

Su questo punto l’estrattore è molto più efficiente rispetto ad una centrifuga. Permette infatti di ottenere circa il 20% in più di succo se paragonato al secondo. Con l’avanzare delle tecnologie però, anche gli ultimi modelli di centrifughe riescono ad ottenere fino al 10% in più di succo rispetto ai modelli classici. Solitamente queste centrifughe sono di fascia alta e professionali.

Anche lo scarto prodotto dai due prodotti è differente. Nell’estrattore è più secco, mentre risultano più umidi quelli della centrifuga.

Estratti di verdure

Sapore e qualità dei succhi

Ovviamente il sapore dei succhi prodotti sarà differente, ma questo aspetto è influenzato solamente dai gusti personali.

Al termine della lavorazione il succo prodotto dall’estrattore sarà più denso e corposo, con un gusto più marcato e deciso. Il colore sarà più vivido e brillante. Al contrario, il succo prodotto dalla centrifuga sarà più liquido e leggero. In questo caso il colore sarà più chiaro a causa dell’aria prodotta con la rotazione delle lame.

Inoltre dopo solamente pochi minuti il succo fatto con la centrifuga tenderà a separarsi: in cima al bicchiere resterà uno strato liquido e schiumoso, mentre sul fondo tenderà ad accumularsi il succo.

Fibre e apporti nutrizionali

Riuscire a mantenere intatti i principi nutrizionali di un alimento è sicuramente un fattore molto importante e l’estrattore in questo ci è molto d’aiuto. Un discorso a parte va però fatto sulle fibre.

La centrifuga con la rotazione velocissima delle lame tende a distruggerle, sminuzzandole e spingendole verso il filtro. Qui vengono fermate e finiscono nel prodotto di scarto. Nell’estrattore invece le spreme ed in questo modo tende a conservarne una quantità di fibre leggermente maggiore.

In quest’ultimo caso la quantità è comunque minima. Per ottenere il giusto apporto di fibre non basta quindi avvalersi di centrifughe o estratti, ma è direttamente necessario mangiare frutta e verdura.

Manutenzione

Altro fattore molto importante è la facilità di manutenzione e pulizia.

L’estrattore è caratterizzato da un minor numero di accessori e la loro rimozione e pulizia è di solito molto facile. Tutte le parti removibili possono inoltre essere lavati comodamente in lavastoviglie.

La centrifuga è sicuramente più laboriosa da mantenere pulita anche a causa delle lame che la compongono. Anche in questo caso però, è possibile lavare tutto in lavastoviglie

Prezzo

Ovviamente anche conoscere le differenze di prezzo è fondamentale per la scelta dell’elettrodomestico.

L’estrattore è solitamente più costoso e per avere un dispositivo di alta qualità è necessario spendere diverse centinaia di euro. In commercio è comunque possibile acquistarne uno dalle prestazioni basiche e di fascia media a costi bassi, ma per un estrattore di buona qualità e che duri nel tempo è consigliabile sempre orientarsi su una fascia di prezzo di circa 100 – 200 Euro. Ciò è dovuto alla qualità del succo finale, che come abbiamo visto è denso, corposo e dai colori brillanti.

Le centrifughe tendono a costare molto meno e con una spesa inferiore ai 100 Euro è possibile portarsi a casa un ottimo dispositivo.

Con una spesa maggiore è quindi possibile acquistare un elettrodomestico che dura più a lungo nel tempo e che produce un estratti ricchi di proprietà nutrizionali, che non tendono ad ossidarsi e che estraggono fino al 20% in più di succo.

Centrifughe più vendute

# Anteprima Prodotto Voto Prezzo
1 Moulinex JU3701 Frutelia + Centrifuga, Ampia... Moulinex JU3701 Frutelia + Centrifuga, Ampia... 1.120 Recensioni 79,99 € 42,99 €
2 SEVERIN ES 3566 Centrifuga professionale 400W BPA... SEVERIN ES 3566 Centrifuga professionale 400W BPA... 5.618 Recensioni 59,99 € 43,99 €
3 Twinzee Centrifuga Frutta e Verdura Professionale... Twinzee Centrifuga Frutta e Verdura Professionale... 2.523 Recensioni 69,99 €
4 Juilist Centrifuga Frutta e Verdura 600W,... Juilist Centrifuga Frutta e Verdura 600W,... 308 Recensioni 65,99 € 55,99 €
5 Philips Avance Collection Centrifuga Per Succhi Di... Philips Avance Collection Centrifuga Per Succhi Di... 4.381 Recensioni 199,99 € 175,99 €

Estrattori succo a freddo più venduti

Avatar for Sotech Italia

Sotech Italia

Il Blog che ti da notizie di tecnologia, di innovazioni, guide, gaming e di tutte le informazioni provenienti dal mondo del web.

Vedi tutti i post